Caso di studio – LoveRaw: promuovere la familiarità con il delizioso cioccolato senza latticini – vegconomist

L’industria del cioccolato senza latte è un settore che ha visto una rapida crescita negli ultimi anni, senza segni di rallentamento. Per saperne di più sulla categoria in via di sviluppo, ProVeg International ha condotto un’analisi approfondita e ha scoperto alcune informazioni utili per le aziende che desiderano sviluppare i propri prodotti di cioccolato vegani.

In un recente argomento di studioProVeg International ha intervistato il marchio di cioccolato senza lattosio in rapida crescita, LoveRaw. Sopra tutte le citazioni, una, in particolare, spiccava.

Il co-fondatore di LoveRaw, Rimi Thapar, ha dichiarato: “La familiarità con i prodotti di cioccolato tradizionali è importante per i consumatori quando passano a una dieta flessibile o a base vegetale. La nostra missione è rendere il delizioso cioccolato a base vegetale accessibile a tutti, siano essi vegani, “non vegani”, flessibili o altro, senza compromettere il gusto”.

Loveraw vegano al cioccolato
© LoveRaw

Esploriamo questa citazione un po’ più a fondo, per capire perché i prodotti di cioccolato a base vegetale della tradizione hanno così tanto successo.

Quando si tratta di provare nuovi cibi, quasi due terzi dei consumatori preferiscono prodotti simili a quelli che già conoscono. Allo stesso tempo, molti consumatori stanno cercando di ridurre l’assunzione di carne e latticini. Ciò crea un’opportunità naturale per le alternative a base vegetale per soddisfare i tradizionali requisiti di gusto e consistenza dei consumatori, soddisfacendo anche le loro moderne preferenze per cibi più sani e sostenibili.

È interessante notare che il 73% dei prodotti a base vegetale viene acquistato da onnivori e flexitariani la cui motivazione principale per l’acquisto e il consumo di alimenti a base vegetale è il gusto. È quindi fondamentale concentrarsi su prodotti che offrano un’esperienza di gusto e consistenza familiare quando si tratta di creare gamme di prodotti a base vegetale.

Cialda ripiena di crema LoveRaw
© LoveRaw

Favorire la familiarità è qualcosa che LoveRaw ha fatto molto bene. Il loro prodotto più popolare, la barretta M:lk Choc Cre&m Wafer, fa eco a una classica barretta di wafer al cioccolato al latte ripiena di deliziosa crema di noci. Secondo il marchio, questo prodotto è stato il catalizzatore della recente ondata di crescita di LoveRaw, aiutandoli a raggiungere una crescita e un’espansione così rapide.

Nella sua intervista con ProVeg, Thapar ha commentato: “Sentiamo un feedback meraviglioso dai nostri clienti. Molti di loro affermano di aver previsto di dover sacrificare il loro tradizionale cioccolato preferito dalla loro dieta quando hanno preso la decisione di condurre uno stile di vita a base vegetale, ma con le nostre alternative vegane ora a loro disposizione, non devono farlo!”

LoveRaw Caramelised_Biscuit_Wafer
© LoveRaw

Una delle ragioni principali dell’esitazione dei consumatori quando si tratta di prodotti a base vegetale è la percezione che non avranno un sapore buono come i prodotti di origine animale. Pertanto, è importante per i marchi a base vegetale produrre e commercializzare prodotti che emulino con successo il gusto e la consistenza delle loro controparti a base animale.

“L’indulgenza è una credenziale chiave per LoveRaw”, ha affermato Thapar, “Poiché sappiamo che il motivo principale per cui i consumatori scelgono i nostri prodotti è il gusto. Forniamo indulgenza assicurandoci che tutti i nostri prodotti siano realizzati con ingredienti di alta qualità per abbinare le credenziali di gusto delle loro controparti lattiero-casearie. Vogliamo dare ai flexitariani e ai “vegani non vegani” l’opportunità di godersi il loro cioccolato preferito.

Per saperne di più sul settore del cioccolato senza latte e favorire la familiarità, accedi al case study completo di ProVeg, qui. Se stai cercando di sviluppare la tua strategia di marketing basata sulle piante per aumentare le vendite, ProVeg può aiutarti. Mettiti in contatto inviandoci un’e-mail a [email protected].


Riferimenti

1) Pohjolainen, P., M. Vinnari., & P. ​​Jokinen (2015): barriere percepite dai consumatori a seguire una dieta a base vegetale, citate in Szejda, K., T. Urbanovich e M. Wilks (2020) : Accelerare l’adozione da parte dei consumatori di carne di origine vegetale. L’istituto del buon cibo. Disponibile a: Accesso 2022-10-20.

2) Progetto Smart Protein (2021): cosa vogliono i consumatori: un’indagine sull’atteggiamento dei consumatori europei nei confronti degli alimenti a base vegetale. Programma di ricerca e innovazione Orizzonte 2020 dell’Unione europea (n. 862957) di approfondimenti specifici per paese. Disponibile a: Accesso 2022-10-20.

3) Malek, L. & WJ Umberger (2021): quanto sono flessibili i flexitariani? Esaminare la diversità nei modelli alimentari, nelle motivazioni e nelle intenzioni future. Disponibile a: Accesso 2022-10-20.

4) Technomic (2019): Rapporto sull’andamento dei consumatori di sapore. Citato in Amick, B. (2019): l’occasione del pranzo influisce sulla volontà dei consumatori di provare nuovi sapori. Disponibile a: Accesso 2022-10-20.

5) Lindsay Bumps citato in Vegconomist (2019): Exclusive Ben & Jerry’s News! Disponibile a: Accesso 2022-10-20.

6) Geometry Global, citata in Brouwer, B (2017): Studio: i consumatori si fidano degli influencer il 94% in più rispetto agli amici o alla famiglia quando prendono decisioni di acquisto. Medio. Disponibile a: https://medium.com/@breebrouwer/study-consumers-trust-influencers-16-more-than-friends-or-family-when-making-shopping-decisions-1e3c7d20c98a. Accesso 2022-10-24.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *