La startup di frutti di mare coltivati ​​Umami Meats deposita il brevetto per la tecnologia “che cambia gioco” – vegconomist

Startup di frutti di mare coltivati ​​con sede a Singapore Carni Umami annuncia di aver depositato un brevetto per la tecnologia a cellula staminale singola che utilizza linee di cellule staminali mesenchimali (MSC) di pesce.

“Il nostro metodo a cellula staminale singola cambierà le regole del gioco consentendoci di ridurre il prezzo dei frutti di mare di prima qualità coltivati”

La tecnologia delle cellule staminali di Umami è unica perché richiede solo un tipo di cellula e una linea di produzione per coltivare muscoli e grassi, a differenza di altri metodi che richiedono più linee di produzione e tipi cellulari.

zuppa di polpette di pesce Umami Carni
© Carni Umami

Mihir Pershad, fondatore e CEO di Umami Meats, ha dichiarato: “Finora abbiamo stabilito linee MSC di tre specie, inclusa la nostra specie di punta, l’anguilla giapponese. Questo approccio innovativo alle linee cellulari getta le basi per una crescita cellulare più rapida ed efficiente. I nostri progressi tecnologici sono un fattore fondamentale per ridurre i costi, aumentare la scalabilità e rendere i frutti di mare coltivati ​​alla portata dei consumatori tradizionali”.

“Questo approccio innovativo alle linee cellulari getta le basi per una crescita cellulare più rapida ed efficiente”

L’azienda coltiva anche specie come dentici, tonni e cernie. Lo scorso settembre, Umami ha rivelato una polpetta di pesce coltivata Laksa prodotta con pesce coltivato e proteine ​​vegetali.

Foto della squadra di Umami Meats
© Umami Carni

Riduzione dei costi per parità di prezzo

Il metodo di produzione “a cellula singola” di Umami è un processo ottimizzato di isolamento delle linee cellulari MSC dal pesce che ridurrebbe i costi associati alla produzione di frutti di mare coltivati. Ad oggi, i prezzi premium dei frutti di mare coltivati ​​sono da 20 a 50 volte superiori a quelli del pesce normale, spiega Umami.

Inoltre, l’azienda ha lavorato per sviluppare un mezzo di crescita derivato da piante e alghe che sia più economico e più facile da scalare. Come il processo di costituzione delle cellule staminali, i prezzi elevati dei mezzi di crescita sono un ostacolo alla parità dei prezzi costi della carne coltivatarappresentando una sfida per l’industria dell’agricoltura cellulare.

La promessa del mare coltivato

Secondo Pesce mondialeun istituto di ricerca internazionale senza scopo di lucro, si prevede che la domanda di prodotti ittici raddoppierà entro il 2050 e i settori dell’acquacoltura e della pesca dovranno affrontare serie sfide per soddisfare questa domanda. Si prevede che i frutti di mare coltivati ​​svolgano un ruolo significativo nell’alleviare i futuri problemi di approvvigionamento e nel garantire un sistema alimentare sostenibile.

varie specie di pesci che giacciono nel ghiaccio
© Umami Carni

I frutti di mare coltivati ​​promettono anche frutti di mare migliori senza mercurio e contaminazione da microplastica e potrebbero aiutare ad affrontare il crescente rischio di estinzione che molti pesci e frutti di mare stanno affrontando a causa delle pratiche di pesca e della pesca eccessiva.

“Ciò che rende Umami Meats diverso nell’industria alimentare coltivata è il nostro metodo per coltivare frutti di mare premium con l’obiettivo di ridurre la pesca eccessiva di specie in via di estinzione e difficili da allevare”, ha affermato Pershad.

“Il nostro metodo con cellule staminali singole sarà un punto di svolta nel permetterci di ridurre il prezzo dei frutti di mare di prima qualità coltivati ​​in modo che corrisponda a quello del pesce di provenienza tradizionale”, ha aggiunto.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *