L’ex produttore di carne bovina lancia il polo di produzione vegetale “Plants to Food”.

Quest’estate ha aperto l’imprenditore Scott Lively Piante al cibouna nuova struttura di co-produzione a Lincoln, RI, dedicata alla produzione di una varietà di alimenti confezionati senza carne e latticini.

“Penso che non ci siano dubbi che saremo il più grande produttore di alimenti a base vegetale negli Stati Uniti”

Ciò che rende insolito Plants to Food è il background di Lively: due decenni fa, Lively ha fondato Dakota Beef, uno dei più grandi produttori di carne bovina d’America. Ha anche scritto un libro sul business del bestiame intitolato “For the Love of Beef” e ha scritto ampiamente sul blog sull’argomento come “The Beef Geek”.

Tuttavia, Lively alla fine ha subito un cambiamento nello stile di vita e ora si considera un flexitariano. Con l’apertura di Plants to Food, Lively intende rendere la struttura un leader nella produzione alimentare a base vegetale degli Stati Uniti, rapporti Mensile di Rhode Island.

Formaggio e altro

Oltre ai suoi marchi interni Felice formaggio e Albero selvaticoPlants to Food stipula contratti con dozzine di aziende alimentari per produrre una vasta gamma di prodotti, tra cui spezie gourmet, salse, formaggi vegani, yogurt e persino uova.

“Qualsiasi articolo a base vegetale, dalle marinare alle salse al formaggio a base vegetale”, ha condiviso Lively. “Abbiamo un uovo sodo a base vegetale. Sembra e si sente proprio come uno. Il piano è quello di diventare un hub in cui i produttori alimentari di piccole e medie dimensioni, pronti per passare alla fase successiva della distribuzione nazionale, realizzeranno i loro prodotti”.

Formaggio Vegano Happyist
©Happyist

Uno dei prodotti più notevoli delle strutture è il formaggio a base di anacardi, lavorato e stagionato secondo i metodi tradizionali di caseificazione.

“È come invecchiare il vero formaggio, ma stiamo usando gli anacardi invece dei latticini”, ha spiegato Lively. “È come invecchiare il vino o il salame o qualsiasi altra cosa. Stanno accadendo le stesse reazioni chimiche. Stai creando cibo sano e denso di nutrienti, con solo quattro o cinque ingredienti”.

Andando alla grande

Plants to Food, le cui strutture includono uffici e una cucina di prova, attualmente lavora con 44 clienti di co-produzione e Lively ha grandi ambizioni di espandere la sua portata in tutto il Rhode Island e oltre.

Tagliere vegano Happyist
©Happyist

“La scena del cibo nel Rhode Island è davvero unica”, ha detto Lively. “C’è molto da fare qui. Non solo ristoranti, ma produttori e persone. Ne sono davvero entusiasta. Penso che sarà fantastico. Penso che il Rhode Island abbia questo – e se riusciamo a ottenere il conteggio fino a circa sessantacinque persone – penso che non ci sono dubbi che saremo il più grande produttore di alimenti a base vegetale negli Stati Uniti”.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *