Menu Hacks: la psicologia dietro la progettazione del menu

Il tuo pezzo di marketing più prezioso come proprietario di un ristorante è un menu attentamente progettato. Pubblicizza le tue offerte aumentando la redditività del tuo ristorante. L’ingegneria dei menu è il processo strategico di progettazione di un menu per massimizzare i profitti. Richiede l’analisi delle voci di menu redditizie e più popolari. Utilizzando tecniche di psicologia del menu per evidenziare questi elementi, i ristoranti possono costruire menu nel modo più efficace.

Innanzitutto, devi analizzare le voci di menu per trovare le più popolari e redditizie, il che è importante poiché costruirai il tuo menu attorno a queste voci. Assicurati che il tuo menu lo sia prezzo corretto per il massimo profitto e comprendi la popolarità degli articoli usando il matrice di menu. Dopo aver analizzato le voci di menu e averle valutate in modo appropriato, il divertimento può iniziare con questi hack di progettazione.

Il primo componente da considerare nella progettazione dei menu è la sua scansionabilità. Pertanto, i ristoratori vogliono attirare l’attenzione degli ospiti con i loro articoli ad alto profitto. La ricerca mostra che è probabile che i clienti ordinino uno dei primi articoli che attireranno la loro attenzione. Dal momento che gli ospiti spendono solo una media di 109 secondi guardando il tuo menu, deve essere progettato per consentire agli ospiti di trovare facilmente gli elementi chiave, ovvero scansionabili.

Vuoi evitare layout affollati, limitare le scelte degli elementi e creare un flusso naturale. Ti capita mai di essere sopraffatto alla vista di troppe opzioni? Questa è la teoria psicologica nota come il “paradosso della scelta”, che presuppone che più opzioni abbiamo, più ansia proviamo, mentre troppo poche opzioni fanno sentire i consumatori travisati. Il numero d’oro per le opzioni alimentari è 7 per categoria. Qualsiasi cosa su sette voci può tendere un’imboscata ai clienti e creare confusione, e la confusione può farli tornare al loro “solito” per impostazione predefinita invece di provare una nuova voce di menu. Non c’è vergogna ad attenersi a ciò che sai, ma un menu ben progettato ti invoglierà a provare qualcosa di diverso o più costoso.

  • Opzioni limite.Gli psicologi suggeriscono che i ristoratori limitino le opzioni per categoria al numero aureo, circa 7 articoli, in base alla teoria del “paradosso della scelta”. Limitare le opzioni può aumentare la percezione che i consumatori abbiano fatto la scelta giusta, il che a sua volta riporta i clienti. in un settore in cui i clienti abituali rappresentano circa il 70% delle vendite, l’obiettivo finale è far tornare i clienti. (Filo Interdentale)
  • Meaning is the contrary. Evita i layout affollati e scegli caratteri e dimensioni dei caratteri di facile lettura. Attenersi ai titoli dei piatti visibili e alle sezioni chiare.
  • Posizione, posizione, posizione! Gli psicologi hanno studiato gli schemi oculari dei consumatori e hanno scoperto che i nostri occhi tendono a spostarsi prima al centro del menu, quindi a spostarsi nell’angolo in alto a destra, seguito dall’angolo in alto a sinistra. Questo è noto come “Il triangolo d’oro”. Posiziona le voci di menu più redditizie in queste posizioni immobiliari privilegiate (Webstaurant)
  • Usa i glossari se necessario. Alcuni clienti possono sentirsi intimiditi da nomi sconosciuti ed essere dissuasi dall’ordinare piatti dal suono fantasioso. Un glossario può fornire più contesto in modo che gli ospiti si sentano sicuri di prendere una decisione informata e la scelta giusta.

Quindi, considera la capacità del menu di attingere ai sensi del cliente. I prodotti alimentari attirano la tua attenzione? Il menu evoca emozioni? Secondo il consulente del ristorante Aaron Alleni colori possono evocare diversi tipi di sentimenti e “motivare” il comportamento. Per esempio; il blu ha un effetto calmante, mentre il rosso può stimolare l’appetito e il senso di urgenza e il giallo attira la nostra attenzione. Intrattieni l’uso di bordi, caselle ombreggiate e spazi bianchi per evidenziare elementi specifici e redditizi. Affollare il tuo menu con le foto può sminuire la sensazione di un menu, ma un’immagine bella accanto a un alimento può aumentare le vendite del 30%.

Un’altra tattica è scrivere descrizioni più lunghe e dettagliate che convincano i clienti che stanno ottenendo di più per il loro dollaro. Secondo uno studio della Cornell, i ricercatori hanno scoperto che descrizioni più dettagliate vendevano quasi il 30% in più di cibo. I clienti hanno anche valutato quegli articoli come più gustosi. “Le persone assaporano quello che dici loro che stanno assaggiando”, dice l’ingegnere del menu, Gregg Rapp (Filo Interdentale). Quindi racconta loro una storia! Dettaglia i piatti con verbosità che descrivono da dove proviene e come viene preparato per essere efficace nell’aumentare la percezione della qualità negli articoli.

  • Usa il colore. Scegli una combinazione di colori che rifletta le tue vendite e obiettivo di marketing. Le persone rispondono emotivamente al colore, inconsciamente, che può influenzare il loro comportamento. Puoi utilizzare colori vivaci, che catturano l’attenzione e stimolano l’appetito, per attirare l’attenzione su specifici arretrati del tuo menu.
  • Usa le foto. Usa la fotografia professionale nel tuo menu, ma fallo con parsimonia. Le persone rispondono alle immagini in mostra come farebbero se il piatto fosse proprio di fronte a loro e se hai fame la risposta è “Lo prendo!”
  • È tutta una questione di semantica! Presta attenzione al linguaggio che usi per descrivere i tuoi piatti e raccontare una storia. Aggettivi come “allineato”, “allevato in fattoria” o “di provenienza locale” sono una grande eccitazione per i clienti e possono aumentare la percezione della qualità.
  • Rendilo nostalgico. Toccare periodi di tempo passati può innescare ricordi felici della loro infanzia, famiglia o tradizioni. La “zuppa di pollo della nonna” o il “cacao caldo da falò” suscitano sensazioni di conforto e vicinanza.

Un altro trucco è creare spazio attorno agli oggetti ad alto profitto mettendoli in scatole o separandoli in altro modo dal resto delle opzioni. “Quando metti in una tasca di spazio negativo, tiri l’occhio lì”, scrive Allen. “Mettere uno spazio negativo attorno a un oggetto può richiamare l’attenzione su di esso e aiutarti a venderlo” (Filo Interdentale).

Infine, torna alla redditività del tuo menu. La prospettiva è tutto quando si considera il design del menu. Autore di Inestimabile, William Poundstone, rivela la psicologia dietro i menu, affermando “in definitiva, si tratta di ridurre al minimo l’attenzione sul prezzo”. Rendendo i cartellini dei prezzi il meno appariscenti possibile, possiamo incoraggiare gli ospiti a spendere di più. Uno studio della Cornell University ha rilevato che i prezzi scritti incoraggiano anche gli ospiti a spendere di più. Ecco alcuni altri hack progettati per aumentare il potenziale di profitto del tuo menu.

  • Evita i segni del dollaro. Gli indicatori di valuta sono un punto dolente che ricorda ai clienti che stanno spendendo soldi e li fanno sentire come se stessero spendendo più di quanto non stiano effettivamente. Ammorbidire il prezzo eliminando il simbolo del dollaro.
  • Evita le tracce dei prezzi. Le tracce dei prezzi sono linee tratteggiate che collegano le voci del menu al loro prezzo e sono il peccato cardinale della progettazione del menu. Questo distoglie l’attenzione dalla descrizione del piatto e passa direttamente al prezzo. Prova i prezzi “nidificati”, i prezzi che sono elencati discretamente dopo la descrizione del pasto con la stessa dimensione del carattere, in modo che gli occhi dei consumatori scorrano proprio su di esso (Filo Interdentale).
  • Evita le colonne dei prezzi. L’inserimento dei prezzi in una colonna attirerà l’attenzione sul costo del cibo, anziché sul piatto stesso, che potrebbe indurre gli ospiti a scegliere le voci più economiche del menu.
  • Usa richiami di prezzo. Un “esca” del prezzo è una voce di menu che sembrerebbe eccessivamente costosa agli ospiti, posizionata vicino a voci con margini di profitto elevati. Questo dà la percezione, rispetto all’esca, che i clienti stiano ottenendo un affare, un “miglior rapporto qualità-prezzo”.
  • Sandwich le voci di menu. D Gli studi dimostrano che i clienti tendono a notare e ordinare i primi due articoli o l’ultimo articolo di ciascuna sezione più spesso degli altri articoli. Posiziona gli articoli più redditizi in cima all’elenco e uno in basso per ottimizzare le categorie del menu.

Pensieri finali

Gli ospiti eseguiranno la scansione del menu in media in meno di 2 minuti, il che significa che hai una piccola finestra per impostare il tono del menu per la soddisfazione del cliente e un profitto ottimale. L’uso di queste tattiche psicologiche di progettazione del menu, per rinnovare il tuo menu può migliorare notevolmente i profitti del tuo ristorante e l’esperienza degli ospiti. Nostro Sweet Street Design Suite ti fornisce l’esperienza e gli strumenti per vendere di più.

Fonti: Aaron Allen | Webstaurante Store | Tela | Filo Interdentale | Il Sydney Morning Herald

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *