Starbucks citato in giudizio dall’ex creatore di balsami per le labbra con legami con Mehmet OzDaily Coffee News di Roast Magazine

Bevanda e logo Starbucks

I rappresentanti di una società di Los Angeles chiamata Balmuccino hanno citato in giudizio Starbucks, sostenendo che il gigante del caffè ha rubato dettagli riservati sullo sviluppo del prodotto riguardanti balsami per labbra a tema Frappuccino.

La causa afferma anche che l’incontro originale tra le due società è stato organizzato dal CEO e presidente di Starbucks di lunga data Howard Schultz e dall’attuale candidato al senato della Pennsylvania Mehmet Oz, alias “Dr. Oz.”

Secondo la causa, uno dei membri dirigenti di Balmuccino era la cognata di Oz. La causa afferma che Oz ha contattato Schultz per esplorare la possibilità di una joint venture per il prodotto balsamo per le labbra. Schultz alla fine ha organizzato, ma non ha partecipato, un incontro tra le due società che ha avuto luogo nell’ottobre 2017, afferma l’attore.

Gli avvocati di Balmuccino stanno ora accusando i rappresentanti di Starbucks di aver utilizzato le informazioni riservate ottenute durante quell’incontro per sviluppare un proprio balsamo per le labbra, il “The S’mores Frappuccino Sip Kit” che lanciato nel 2019 con i gusti/sfumature Chocolicious Bliss, Marshmallow Glow, Campfire Spark e Graham Glam.

“L’attore aveva consegnato un concetto di prodotto completamente realizzato all’imputato in un meccanismo di erogazione di balsamo per labbra tascabile di marca, insieme a campioni completamente formulati che odoravano e avevano il sapore delle bevande dell’imputato”, afferma la causa dell’incontro del 2017.

Starbucks non ha risposto alla richiesta di commento di DCN, al momento della stesura di questo articolo. Un portavoce di Starbucks senza nome ha detto a Reuters“Crediamo fermamente che queste affermazioni siano prive di fondamento e non vediamo l’ora di presentare il nostro caso in tribunale”.


La tua attività di caffè ha notizie da condividere? Informa gli editori di DCN qui.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *