Tarform Designs Motocicletta elettrica realizzata con materiali vegetali – vegconomist

Produttore di moto elettriche Tarform ha svelato un nuovo modello realizzato con materiali di origine vegetale, riciclabili e biodegradabili.

Il Luna, disegnato da Taras Kravtchouk, ha un corpo realizzato con un innovativo materiale composito di origine vegetale costituito da biofibre di semi di lino e bio-resina. Questo materiale è colorato con un pigmento naturale a base di alghe.

Il telaio della motocicletta è realizzato in alluminio ampiamente riciclabile, mentre il sedile utilizza alternative in pelle vegetale ricavate da ananas, mango o mais. La Luna è costruita in modo modulare, il che significa che la carrozzeria, i pacchi batteria e il software possono essere facilmente aggiornati man mano che la tecnologia si evolve. Questo prolunga la vita della moto.

“L’idea era quella di creare la moto di domani”, ha affermato Taras Kravtchouk, lead designer e CEO di Tarform. “Se dovessi costruire una bici pensando alla sostenibilità, quali principi sarebbero? Elettrica, ma anche con il minor danno per il nostro ambiente”.

© Tarform

Moto etico

Tarform non è l’unica azienda che cerca di rendere il motociclismo più etico e sostenibile. La spagnola Andromeda ha sviluppato quello che si dice sia il primo abbigliamento da moto vegano al mondo, utilizzando materiali sintetici altamente resistenti. Ciò include un tipo di tessuto utilizzato sulle tute degli astronauti nella Stazione Spaziale Internazionale.

La produzione dell’abbigliamento utilizza 566 volte meno acqua rispetto alla pelle convenzionale e il marchio è ora disponibile in numerosi paesi tra cui Stati Uniti, Regno Unito, Italia e Australia.

“La concia della pelle è praticata fin dall’antichità, ma è un dato di fatto che la pelle è pelle e non ci sono ulteriori progressi”, ha affermato Mario Alonso, CEO di Andromeda. “D’altra parte, i materiali sintetici continuano a migliorare e le loro possibilità sono quasi infinite e più rispettose degli animali e dell’ambiente”.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *