Una guida per principianti al tè: prima parte

Non tutti i tè sono uguali; oggi iniziamo una discussione sui diversi tipi di tè, su come variano nel sapore e su come prepararli correttamente.

DI EMILY MENENES
CONTRIBUTORE ONLINE SENIOR

Immagine in primo piano di Alice Pasqual tramite Unsplash

Sebbene il tè sia un alimento base dei caffè, c’è ancora molto sulla bevanda che molti non capiscono. Da quali piante provengono le foglie di tè e cosa separa i diversi tipi di tè l’uno dall’altro? In che modo i diversi tipi di tè variano nel sapore e devono essere preparati in modi diversi? Nella nostra serie “Guida per principianti al tè”, ti guideremo attraverso tutte queste domande e ti aiuteremo a iniziare a padroneggiare l’arte del tè in modo da poter preparare una deliziosa tazza al tuo bar oa casa.

Un cesto intrecciato si trova a terra.  Il cesto è riempito con foglie di Camellia Sinensis appena raccolte.
Il tè bianco, verde, oolong e nero provengono tutti dal Camelia sinensis pianta.
Foto di Patricio Hurtado via Pixabay.

Camellia Sinensis: dove tutto il tè ha inizio

Tutto il tè viene dalle foglie di una singola pianta, Camelia sinensis—una specie di arbusto sempreverde. Le foglie di questa pianta emergono tipicamente all’inizio della primavera. Dopo la raccolta, le foglie vengono lavorate in vari modi, ottenendo diversi tipi di tè.

In questa serie di articoli esploreremo i principali tipi di tè: bianco, verde, oolong e nero. Toccheremo anche i tè fermentati (il più noto dei quali è il pu-erh) e le tisane, che non sono a base di Camellia sinensis ma piuttosto di erbe, fiori e cereali. Nella prima puntata di oggi, esamineremo il tè bianco e verde.

Tè bianco

Tra tutti i tipi di tè, il tè bianco è quello che richiede la minor quantità di elaborazione, infatti, essenzialmente non richiede alcuna elaborazione. Il tè bianco prende il nome dal piumino bianco sfocato che si trova sui giovani germogli di Camellia sinensis da cui viene raccolto. Questo tè si ottiene semplicemente raccogliendo le foglie e i germogli più giovani della pianta del tè, quindi essiccandoli alla luce diretta del sole. Ciò consente all’ossidazione di avvenire naturalmente.

Le foglie di tè in genere impiegano uno o due giorni interi per asciugarsi all’aria e, nei casi in cui il clima circostante è troppo umido o piovoso, possono essere asciugate delicatamente in asciugatrice a fuoco estremamente basso. Quando viene preparato, il tè bianco è tipicamente di colore verde pallido o giallo ed è noto per il suo corpo leggero, l’aroma delicato e le note sottilmente dolci, floreali, fruttate e di nocciola.

Una semplice tazza da tè in porcellana bianca senza manico è piena di tè bianco preparato, un liquido di colore giallo-verde pallido.  Accanto alla tazza c'è una piccola teiera bianca con un coperchio e un manico laterale, simile al manico di una pentola.
Il tè bianco è la degustazione più delicata dei principali tipi di tè. È noto per il suo corpo leggero, gli aromi sottili e i sapori leggermente dolci e fruttati. Foto di Kiran Kok tramite Unsplash.

Preparare il Tè Bianco

A causa della delicatezza del tè bianco, non dovrebbe mai essere preparato con acqua bollente; cerca di mantenere la tua acqua a poco meno di 170 gradi Fahrenheit. Se non hai un bollitore a temperatura controllata, puoi portare l’acqua a ebollizione, spegnere il fuoco e lasciarla riposare per circa un minuto prima di versarla sulle foglie di tè. Per ogni uno o due cucchiaini di foglie di tè, usa otto once di acqua. Lascia in infusione il tè per tre o cinque minuti, a seconda di quanto vuoi che sia forte.

Tè verde

Il tè verde richiede una lavorazione minima, seguendo lo stesso processo del tè bianco con un passaggio aggiuntivo: avviare l’ossidazione applicando il calore cuocendo in padella le foglie fresche su un wok o cuocendole a vapore per 20-30 secondi. Il metodo della cottura in padella è comunemente usato per i tè verdi cinesi (come il tè verde con polvere da sparo o il tè verde Dragonwell). Il metodo di cottura a vapore è caratteristico dei tè verdi giapponesi (come il sencha o il genmaicha).

Quando viene preparato, il tè verde mostra un colore verde o giallo. Rispetto al tè bianco è più terroso e sapido, con sapori tostati, erbacei e vegetali. Il tè verde è anche più ricco di noci e burro del tè bianco, pur mantenendo leggere sfumature floreali.

In una tazza da tè di porcellana bianca e blu su un piattino bianco, c'è la preparazione del tè verde in foglie sfuse.  Accanto alla tazza c'è un misurino di legno con altre foglie di tè verde essiccate.  Entrambi sono su una tavola di legno intagliata.
Rispetto al tè bianco, il tè verde mostra aromi più erbacei e più vegetali. Ha anche un sapore più umami, con una leggera tostatura che deriva dalle foglie riscaldate su un wok o cotte a vapore. Foto di Apple Deng tramite Pixabay.

Preparare il Tè Verde

Come il tè bianco, il tè verde è delicato e quindi non deve essere preparato con acqua bollente. Quando prepari il tè verde, la tua acqua dovrebbe essere compresa tra 175 e 185 gradi Fahrenheit, altrimenti rischieresti che il tuo tè sviluppi sapori amari. Per ogni cucchiaino di foglie di tè verde, usa otto once di acqua. Lascia in infusione il tè per circa tre o cinque minuti prima di servirlo.

Alcuni suggerimenti per professionisti

Quando prepari qualsiasi tipo di tè, tieni a mente i seguenti suggerimenti per ottenere i migliori risultati:

  • Quando si serve il tè, è meglio preriscaldare la tazza da tè. Puoi farlo versando una piccola quantità di acqua calda nella tazza, quindi buttandola via prima di versare il tè.
  • Evita di usare l’acqua del rubinetto o l’acqua dura: ciò potrebbe alterare i delicati sapori del tè. Cerca di usare sempre acqua di sorgente, filtrata o purificata.
  • Se non si dispone di un bollitore per il tè a temperatura controllata, l’uso di un termometro può aiutare a ottenere condizioni di infusione adeguate.
  • Coprire il tè mentre è in infusione è essenziale per consentire ai sapori di svilupparsi completamente. Ecco perché è meglio usare una teiera o un bollitore coperti.

Resta sintonizzato per la seconda parte di questa serie di articoli, in cui esploreremo in profondità le tisane oolong, nere, fermentate e alle erbe.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *